Che cosa “è” l’Antropocene?

In attesa del sesto e conclusivo incontro del ciclo La fine dell’uomo, inauguriamo una panoramica di contributi a stretto giro sui temi “caldi” di questa serie di incontri.

“Che cos’è l’Antropocene?” Questa domanda comincia a venire posta anche in Italia, e non solo all’interno delle accademie. Una parola nuova si aggira nelle menti di chi vuol capire qualcosa sul presente. Ad essa si accompagnano sentimenti e reazioni diverse. Vi è già chi la disgusta, chi la ritiene un’arma nelle mani dell’analisi critica del presente, chi non vi riesce a vedere nulla di politico (“ma questa è scienza, cosa c’entra con la lotta politica?”), chi si prepara a combatterla con ogni mezzo. Ma che cos’è l’Antropocene? E perché questo concetto sta scaldando gli animi, al di qua ed al di là dell’oceano Atlantico, sopra e sotto l’Equatore?

Continue reading “Che cosa “è” l’Antropocene?”

Il tempo è il grande protagonista: a cavallo degli ultimi due incontri

Con Giorgio Griziotti abbiamo affrontato nell’ultimo incontro sulla “fine dell’uomo” il tema del Neurocapitalismo e i dispositivi del tempo.Questo contributo chiude il quinto blocco tematico del ciclo ed apre alla prossima ed ultima puntata: La fine.

Il tempo è il grande protagonista, vero e proprio convitato di pietra, presente in tutto il ciclo di incontri. Nel suo intervento, giustamente, Griziotti focalizza l’attenzione sui dispositivi tecnologici del tempo, sostituti mobili di quella foresta di orologi che aveva invaso palazzi e vie nelle città, man mano che l’evo moderno andava affermandosi. Qui di seguito una breve traccia, tentativo di tirare qualche filo del discorso fatto nei vari incontri che si sono succeduti, partendo proprio da questa risorsa precaria, e sempre più determinante per le nostre vite, che è il tempo.

Continue reading “Il tempo è il grande protagonista: a cavallo degli ultimi due incontri”

Cronofagia vol. 2

Cronofagie

Abbiamo pubblicato, come contributo al prossimo incontro “Il neurocapitalismo ed i dispositivi del tempo”, una recensione al libro Cronofagia di Davide Mazzocco https://moroniecaronia.noblogs.org/cronofagia/ , vogliamo segnalare qui anche la recensione di Roberto Paura (che è stato il primo degli ospiti dei nostri incontri)  https://www.esquire.com/it/cultura/libri/a27343353/cronofagia-libro-tempo-recensione-ame/. Questo libro si offre come agile e conciso strumento da cui far ripartire una discussione che aveva suscitato un certo interesse una ventina d’anni fa con libri come quello di Lothar Baier Non c’è più tempo. Diciotto tesi sull’accelerazione (recensito da Antonio Caronia https://www.academia.edu/305223/Cogli_lattimo_se_ci_riesci_ ) e Cronofagia. La contrazione del tempo e dello spazio nell’era della globalizzazione (atti di un convegno del 2002 pubblicati da Guerini e Associati e scaricabile gratuitamente qui: https://www.academia.edu/254968/Cronofagia_La_Contrazione_Del_Tempo_E_Dello_Spazio_NellEra_Della_Globalizzazione ).

Continue reading “Cronofagia vol. 2”

La Jetée

Quinto testo di avvicinamento all’incontro con Giorgio Griziotti del prossimo 14 maggio.

La Jetée

Questa recensione del film La Jetée di Chris Marker, una delle tante che J.G. Ballard ha redatto durante la sua pseudo carriera di critico dei media freelance, mostra in modo esemplare il suo istinto infallibile per le cose originali. Apparsa per la prima volta in New Worlds, luglio, 1966.

Questo film strano e poetico, un misto di fantascienza, favola psicologica e fotomontaggio, crea nei suoi modi peculiari una serie di immagini bizzarre dei paesaggi interiori del tempo. A parte una breve sequenza di tre secondi – un sorriso esitante di una giovane donna, un momento di straordinaria intensità, come il frammento del sogno di un bambino – i trenta minuti di film sono costituiti interamente da pose fisse. Eppure questa successione di immagini sconnesse è il mezzo perfetto per proiettare i ricordi quantificati e i movimenti nel tempo che sono il tema del film.

Continue reading “La Jetée”

FILM e NOTFILM di Samuel Beckett / Buster Keaton

Quarto contributo in attesa dell’appuntamento del prossimo 12 maggio a Piano Terra.

Ponte di Brooklyn, 20 luglio del 1964, estate calda, umida. Attorno a una macchina da presa si agitano un regista di origine russa, un attore americano e un drammaturgo irlandese. Potrebbe sembrare l’incipit di una barzelletta, invece rappresenta un’esperienza particolarmente seria, un momento iniziatico che si deve ricordare. Continue reading “FILM e NOTFILM di Samuel Beckett / Buster Keaton”