La fine dell’uomo

Scambio | convivio | cinema: un ciclo di sei appuntamenti all’insegna della fantascienza radicale. Al Piano Terra di Milano, da gennaio 2019.

13.01 | Evoluzione e catastrofe

h 18.30 | Incontro
Nell’era della sesta estinzione di massa, mentre completa il più grande ecocidio della storia planetaria, la specie umana ha iniziato la sua trasformazione verso il prossimo gradino dell’evoluzione. Questa volta, però, alla selezione naturale ha sostituito i più precisi e sofisticati mezzi dell’ingegneria genetica e della tecnologia dell’informazione. L’evoluzione verso la specie postumana implicherà non solo dilemmi etici, ma un nuovo patto di coabitazione tra i transumani e una biosfera a sua volta trasformata dalla geoingegneria.

Ne parliamo con Roberto Paura

h 20.00 | Convivio
Spaghetti dell’inizio della fine: carbonara con germogli di barbabietole

h 21.00 | Proiezione
Annientamento, di Garland, GB 2018 (115’)

10.02 | La disneyficazione del reale

h 18.30 | Incontro
Turistificazioni distopiche nell’intramondo: un intero pianeta trasformato in parco giochi per lo svago di moltitudini soggette sempre più a forme di condizionamento autistico. Un pianeta senza pettirossi, a misura di consumati abitanti in perenne dislocazione fisica e immobilità percettiva. In quale luogo o dimensione rifiorirà la nuova aurora? Riuscirà il diabolico piano del Capitale a plastificarci in un annichilimento algoritmico? Coming soon!

Ne parliamo con: Clara Zanardi, Alberto (abo) Di Monte

h 20.00 | Convivio
Bucatini bubble gum style. al pesto di barbabietola

h 21.00 | Proiezione
Agente Lemmy Caution: missione Alphaville, di J. L. Godard, Francia 1965 (98’)

10.03 | Antropocene o capitalocene?

h 18.30 | Incontro
Dall’avvento del capitalismo siamo diventati, come umanità, una forza fisica, pari alle altre, che incide sul destino del mondo, abitato, oltre che da noi, da tante altre specie viventi, mettendo a rischio la sua stessa sopravvivenza.

Ne parliamo con Emanuele Leonardi

h 20.00 | Convivio
Tagliatelle co2. tagliatelle carbone nero vegetale

h 21.00 | Proiezione
L’ignoto spazio profondo, di Werner Herzog 2005 GB, Francia, Germania (81’)

14.04 | Autodistruzione nucleare

h 18.30 | Incontro
Non dobbiamo aver paura di aver paura come sosteneva il filosofo Gunther Anders, così come non dobbiamo lasciare che la paura ci annichilisca rendendoci rassegnati e inermi di fronte all’orrore del possibile olocausto di tutto il genere umano.

Ne parliamo con Domenico Gallo

h 20.00 | Convivio
Spaghetti radiactive. con fave e asparagi

h 21.00 | Proiezione
Il dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba, di Stanley Kubrick, GB 1964 (93’)

12.05 | Il neurocapitalismo ed i dispositivi del tempo

h 18.30 | Incontro
Il tempo dell’era industriale è quello del lavoro operaio e della sua valorizzazione; tutto cambia negli anni 60 quando i computer del real-time cominciano ad interagire con la realtà esterna ed il tempo umano.
A partire da quel momento dalle ceneri del capitalismo industriale in crisi nasce il neurocapitalismo che, per restaurare il suo comando, si fonda proprio sulla capacità di creare, attraverso i dispositivi tecnologici, nuove dimensioni del tempo e nuove modalità di asservimento, anche a costo del collasso dell’ecosistema e della fine dell’uomo.

Ne parliamo con Giorgio Griziotti

h 20.00 | Convivio
Spaghetti like. Con ricotta e colorante alimentare.

h 21.00 | Proiezione
La Jetée di Chris Marker, Francia 1962 (28’) e di Film di Samuel Beckett (regia di Alan Schneider), 1965 (22’)

09.06 | Prima della fine.

h 18.30 | Incontro
Reading con ospiti a sorpresa

h 20.00 | Convivio
El domani non sarà

h 21.00 | Proiezione
Trilogia di puntate da Ai confini della realtà.

 


** una co-produzione **
http://moroniecaronia.noblogs.org
http://archivio-uau.online/
http://offtopiclab.org
http://controcultura.info